Finché morte non ci separi

Home / Articoli / Finché morte non ci separi

“Scendono uniti nella tomba come amorosamente un di’ si giurarono fede all’altare”

Per i funebri commoventissimi dei coniugi Rachele Falangola e Giuseppe Demattia (1895)


Con queste parole il 13 novembre 1895 furono accolti nella chiesa di Noicattaro i feretri di Giuseppe Demattia e Rachele Falangola, marito e moglie da oltre 50 anni, morti a poche ore di distanza l’uno dall’altra. Se non è amore questo…

Ma chi sono Giuseppe e Rachele?

Giuseppe De Mattia nasce il 26 giugno 1803 a Noicattaro, piccolo centro non lontano da Bari, figlio di Francesco e Domenica Franchini. La sua è una famiglia in vista a Noiacattaro: suo padre è un negoziante di idee liberali.
Dopo una prima formazione nei seminari della provincia, Giuseppe si trasferisce a Napoli dove consegue la laurea in giurisprudenza diventando avvocato.




Ma la vera passione di Giuseppe è la pittura: a Napoli frequenta l’Accademia artistica napoletana e in seguito perfeziona la sua arte a Roma alla scuola di Vincenzo Camuccini. Giuseppe dedica tutta la sua vita alla pittura e molte delle sue opere ornano ancora alcune chiese di Noicattaro e dei dintorni.

Durante uno dei suoi viaggi a Napoli Giuseppe conosce Rachele Falangola, figlia di Nicola e di Raffaella Dellanoce, discendente da una nobile famiglia di Sorrento. Si sposano intorno al 1841: lui ha 37 anni, lei è poco più che ventenne.


Lo stemma della famiglia Falangola di Sorrento


Circondati dall’affetto di figli e nipoti, Giuseppe e Rachele vivono a Noicattaro e la loro casa diventa un punto di riferimento e di ritrovo per la società nojana. Oltre all’attività artistica del marito, anche Rachele è molto apprezzata nel suo ruolo di ispettrice scolastica.

Giuseppe e Rachele muoiono a poche ore di distanza l’uno dall’altra, tra la sera del 11 e la mattina del 12 novembre 1895.

“Donna Rachele soffriva di cuore e dopo lunghe sofferenze si spense nelle ultime ore dell’11 novembre 1895. Aveva 75 anni. Il pittore, molto avanti negli anni (ne aveva 92) e immobilizzato dagli acciacchi della vecchiaia, viveva in altra camera. Quando gli fu comunicata la triste notizia della fine della moglie, ebbe la forza di esclamare: “è morta Rachele, la regina della casa, tutto è finito per me. Non parlo più e si spense alle ore 9 del giorno successivo, 12 novembre 1895.”

Luigi Stangarone, Giuseppe De Mattia. Pittore (Cenni biografici, 1803-1895)

I loro atti di morte sono registrati sulla stessa pagina del registro dello stato civile, uniti da un legame indissolubile anche dal punto di vista storico e…archivistico! Se non è amore questo…


Atti di morte di Rachele Falangola e Giuseppe De Mattia (Noicattaro, 1894)


Giuseppe e Rachele sono i quadrisavoli di giovane donna barese, che grazie alle ricerche di Storie di famiglia ha potuto rivivere la loro storia.
Se vuoi conoscere la storia dei tuoi antenati richiedi il libro sulla tua famiglia!



Fonti:
Giuseppe De Mattia. Pittore (Cenni biografici, 1803-1895), di Luigi Stangarone, Bari : Arti Grafiche de Tullio, 1994.
– Archivio di Stato di Bari, Comune di Noicattaro, Registro dei morti, anno 1894, atti n° 185 e 186
Famiglia Falangola in nobilinapoletani.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *